Progresso scientifico e umanità

L’edizione 2019 avrà come filo conduttore il tema che riguarderà il progresso scientifico e umanità. Con questa tematica vogliamo analizzare e sensibilizzare la popolazione su varie tematiche, da come il progresso scientifico abbia influito le violazioni dei diritti umani a come i social network possano alimentare discriminazioni e odio verso minoranze, dalle neuro-tecnologie alla bioetica.


TUTTI GLI APPUNTAMENTI

GIOVEDI’ 1 AGOSTO

ore 18.00 Inaugurazione Mostre (ex edificio scolastico)

 

INDOSSA UNA STORIA
EX EDIFICIO SCOLASTICO
Creata e curata da Diana Anselmo.  

Attraverso questo museo dell'empatia sarà possibile concretizzare il proverbio "Mettiti nei miei panni". Storie, righe e parole di soggettività spesso delegittimate per il solo fatto che la maggioranza puntuale non ne fa esperienza... possono prendere adesso vita.

 

PORTE APERTE ALL'UMANITA’
PARCO
Creata da Ibrahim Malla per la Croce Rossa Italiana.

In questa mostra fotografica, le immagini parlano da sole: accoglienza, aiuto, drammaticità... sono le fasi di un esodo dato da difficili situazioni di vita e da conflitti mai voluti.

 

SCIENZA PER L'UMANITA
EX EDIFICIO SCOLASTICO
Creata e curata dall'Associazione Ragionevolmente.

Come il progresso scientifico ha migliorato la qualità della nostra vita. Essa ci spiegherà l'importanza e gli effetti di alcune scoperte scientifiche, quali le terapie antitumorali, i vaccini, gli antibiotici e il "genome editing. 

 

C'è UN BATTERIO NELLA MIA TAZZA!
EX EDIFICIO SCOLASTICO
Creata e curata dall'Associazione Ragionevolmente. Cosa si nasconde sugli oggetti di uso quotidiano 

 

IERI E OGGI, UNA VISIONE D’INSIEME
EX EDIFICIO SCOLASTICO
Curata da Croce Rossa Italiana con il Museo Internazionale di Croce Rossa. Mostra fotografica riguardante gli strumenti sanitari e la loro evoluzione nel corso del tempo.

 

IL PAESAGGIO DA OGGETTO A SOGGETTO

EX EDIFICIO SCOLASTICO

Creta e curata da Claudia Chiusole, in arte Clo Art.
Si è laureata all’Accademia di Belle Arti di Venezia in incisione d’arte. Negli ultimi anni ha sviluppato un progetto legato alla montagna del territorio. 

Il paesaggio che ci circonda qui, è parte dell’artista, delle sue radici. Ci si sente parte di questa natura che dona sicurezza. Sulla cima, nel silenzio, il suono del vento che sussurra le sue voci in questo immenso infinito dove nessuno ti giudica e ti senti te stesso. Oltre all’incisione, l’artista si esprime anche attraverso altre forme d’arte come la pittura e la creazione di piccoli gioielli.


SABATO 3 AGOSTO

 

ore 16.00 al Castello 
READING "DONNE NELLA SCIENZA"

Una serie di domande rivolte alle donne che si sono distinte in passato nella scienza, per capire il loro amore per la ricerca, il loro essere un modello per tutte le altre donne e un esempio per l'abbattimento degli stereotipi di genere. Testi creati dall'Associazione Donne e tecnologia, lettura espressiva del Gruppo Teatrale Sottotesto, accompagnamento musicale del Trio d'archi Ametista con brani di musica classica.

 

ore 17.30 al Castello
CONVEGNO:
SCIENZA E DIRITTI UMANI:
STRANO BINOMIO O COPPIA AFFIATATA?

Quando si parla di scienza difficilmente vengono in mente i diritti umani. Eppure, scienza e tecnologia sono molto più intrecciate con i diritti fondamentali di quanto si pensi. In questo Quando si parla di scienza difficilmente vengono in mente i diritti umani. Eppure, scienza e tecnologia sono molto più intrecciate con i diritti fondamentali di quanto si pensi. In questo incontro, guidati dal giornalista scientifico Giovanni Sabato, scopriremo innanzitutto come la scienza sia stata spesso d’aiuto alla difesa dei diritti umani. Ci domanderemo poi, con l’aiuto di Marco Mazzocca, esperto in Filosofia del Diritto, se il progresso neuro-tecnologico possa mettere a rischio la nostra libertà cognitiva, e come questo rischio possa essere evitato. Ilaria Masinara di Amnesty International Italia ci farà poi vedere come linguistica e tecnologie informatiche possano essere usate in pratica per contrastare i discorsi d’odio, sempre più diffusi in rete. Infine, il nostro viaggio fra scienze e Diritti Umani si concluderà con l’aiuto di Simone Penasa, ricercatore in Diritto pubblico, che si soffermerà su alcune tecniche dell'ingegneria genetica e sui delicati problemi etici che esse comportano. Ampio spazio sarà al confronto con il pubblico.

 

RELATORI

Giovanni Sabato: é un giornalista scientifico free lance. Collabora tra gli altri con Le Scienze, Mind e Repubblica. Ha pubblicato il libro «Come provarlo? La scienza indaga sui diritti umani» (Laterza, 2010). 

Marco Mazzocca: Frequenta il dottorato di ricerca in Filosofia del Diritto presso l’Università degli Studi di Padova. Già ospite del Department of Philosophy della Columbia University di New York City e dell’ Institute of Advance Legal Studies di Londra.

Ilaria Masinara: è campaign manager di Amnesty International Italia su migrazione e discriminazione con focus su discorsi di odio.

Simone Penasa: è ricercatore in Diritto pubblico comparato presso la Facoltà di giurisprudenza dell'Università di Trento e membro del gruppo BioDiritto presso la medesima Facoltà.

 

Moderatore: Giovanni Sabato

Seguirà rinfresco

 


DOMENICA, 4 AGOSTO

 

ore 14.00

ATTIVITÀ: COME È FATTO IL DNA ?

Con un breve esperimento sarà mostrato come sia possibile estrarre il DNA dalle fragole. A cura di Ragionevolmente.

Attività organizzata per gruppi di 10 ragazzi/persone alla volta.

 

ore 19.30

DUE INFERMIERE IN PRIMA LINEA 

Il diritto alla cura come strumento di pace in zone di guerra. 

Catia e Manuela vivono e lavorano in Trentino. Finito il turno, tornano al loro tempo libero. Un giorno preparano la valigia, con pochi vestiti e molto coraggio, e partono. Manuela partecipa a due missioni in Afganistan al Centro chirurgico per vittime di guerra di Lashkar-gah e al Centro di Annabah dove, a duemila metri d’altitudine, ogni mese nascono 600 bambini. Catia atterra in Sierra Leone in piena emergenza ebola, dove tornerà una seconda volta, chiamata ancora da EMERGENCY a dare il suo aiuto. Modera Arianna Bazzanella.